Notte fonda, prima di spegnere il pc vuoi lasciare un tuo pensiero?

magari alla persona che più ami......

Benvenuto nei Pensieri Della Notte

 

Inserisci Un Nuovo Pensiero ........ (Segnala Abuso)

 

 
Vi amo. Amo voi sola. Penso per voi sola. Vivo per voi sola. Non
so più nulla; non ricordo più nulla; non desidero più nulla, oltre il
vostro amore. Nessun filo più mi lega alla vita d’un tempo. Sono ora
fuor del mondo, interamente perduto nel vostro essere. Io sono nel
vostro sangue e nella vostra anima; io mi sento ogni palpito delle
vostre arterie; io non vi tocco eppure mi mescolo con voi come se vi
tenessi di continuo tra le mie braccia, su la mia bocca, sul mio cuore.
Io vi amo e voi mi amate; e questo dura da secoli, durerà nei secoli,
per sempre. Accanto a voi, pensando a voi, vivendo di voi, ho il
sentimento dell’infinito, il sentimento dell’eterno. Io vi amo e voi mi amate...
 
  jhon  |    

 
[…] quando due anime, che si sono cercate tanto a lungo nella folla,
si sono finalmente trovate, quando si sono accorte di essere ben
sortite, in sintonia e compatibili, in una parola di essere simili, allora
si stabilisce per sempre tra di loro un’unione ardente e pura come esse
sono, un’unione che comincia sulla terra e continua per sempre in
cielo. Questa unione è amore, vero amore, come in verità pochissimi uomini riescono a concepire.
 
  Victor h.  |    

 
Vorrei fendere il mio cuore con un coltello,
e rapirti in esso, e richiudere poi il mio petto
così che tu restassi in esso e non abitassi in altro;,
sino al giorno della resurrezione e del giudizio;
così che, me vivo, tu mi dimorassi in petto, e morto,
occupassi le tenebre del mio cuore nella tenebra del sepolcro.
 
  hazm  |    

 
[…] Perché l’amore, a quanto ho sentito dire, a volte vola e a volte
cammina; per uno va in fretta, per l’altro va piano; gli uni li scalda
appena, altri li incendia; alcuni li ferisce, altri li uccide; in un momento
si scatena la corsa dei suoi desideri e nello stesso istante l’ha terminata
e conclusa; al mattino suol mettere l’assedio a una fortezza, e la
stessa notte gli si arrende, perché non c’è forza che gli si opponga…
perché per realizzare ciò che vuole, l’amore non ha miglior istinto
dell’occasione: e di essa si serve in tutte le sue imprese, soprattutto agli inizi.
 
  miguel  |    

 
Tutta amor, tutta scherzo e tutta gioco,
il suo vermiglio crin Lidia sciogliea,
e un diluvio di fiamme a poco a poco
sovra l’anima mia piover parea.
E con ragion, s’io dal mio cor traea,
mille caldi sospir languido e fioco,
succeder finalmente un dì devea
a vento di sospir pioggia di foco.
Certo, costei nel tuo bel regno, Amore,
scioglie, quasi cometa, il crine ardente,
per minacciar la morte a più d’un core;
o pur, per gareggiar col sol lucente,
tinge la chioma sua di quel colore,
di cui la tinge il sol ne l’oriente.
 
  giovan leone  |    

 
Occhi lucenti e belli,
com’esser può che in un medesimo istante
nascan da voi nove sì forme e tante?
Lieti, mesti, superbi, umili, alteri
Vi mostrate in un punto, onde di speme
E di timor m’empiete,
e tanti effetti dolci, acerbi e fieri
nel core arso per voi vengono insieme
ad ognor che volete.
Or, poi che voi mia vita e morte sète,
occhi felici, occhi beati e cari,
siate sempre sereni, allegri e chiari.
 
  veronica  |    

 
Che mi ami tu lo dici, ma con una voce
Più casta di quella d’una suora
Che per sé sola i dolci vespri canta,
quando la campana risuona –
Su, amami davvero!
Che mi ami tu lo dici, ma con un sorriso
Freddo come un’alba di penitenza
Suora crudele di San Cupido
Devota ai giorni d’astinenza –
Su, amami davvero!
Che mi ami tu lo dici, ma le tue labbra
Tinte di corallo insegnano meno gioia
Dei coralli del mare –
Mai che si imbroncino di baci –
Su, amami davvero!
Che mi ami tu lo dici, ma la tua mano
Non stringe mai chi teneramente la stringe;
E’ morta come quella d’una statua
Mentre la mia brucia di passione –
Su, amami davvero!
Su, incendiamoci di parole,
e bruciandomi sorridimi – stringimi
come fanno gli amanti – su, baciami,
e l’urna, poi, delle mie ceneri, seppelliscila nel tuo cuore –
 
  j. k.  |    

 
Una storia che ho vissuto solo con lei e solo con lei potevo vivere.
E’ stata una storia, delicata e parallela, che ha percorso la mia vita come
un angelo; si, ho capito come può essere un angelo, ho capito anche
come può essere un diavolo.
Una storia in cui per lei sono stato il protagonista, un fantasma amico,
un riferimento concreto e costante; non ha mai mancato di confermarmi
che ero il vero grande uomo della sua vita; si! Lei, che girava per il
mondo incontrando chi voleva e chi aveva; lei, che ha capito i mie valori
e ha cercato i miei significati, che ha giocato con i miei difetti, che ha
creduto in me fino alla fine, senza dubbi e senza bisogno di conferme;
lei, che mi faceva sentire importante e ammirabile, lei, che…
 
  jhon  |    

 
Tutto è nato come un gioco, preso con superficialità e distacco... era
solo sesso e nulla più, un incontro di corpi che cercavano solo piacere,
un’anima delusa dall’amore che voleva solo giocare e nulla più, ma
poi tutto è cambiato, quell’anima è tornata ad essere la romantica di
sempre ed ha cominciato ad amare di nuovo, dimenticando il male
che le era stato fatto. Ha amato con tutta se stessa quell’uomo che
era di un’altra e che non sarebbe mai stato suo... e così, l’anima, di
nuovo sofferente ha abbandonato il suo amore impossibile, che vole-
va solo giocare con lei. I giorni passano e l’anima si strugge d’amore
e non resiste, torna da lui, rivive la passione andata e mai dimen-
ticata... bacia, abbraccia, accarezza il suo amore impossibile... finché
un giorno quell’uomo che lei credeva irraggiungibile, diventa vicino,
forse troppo vicino... così vicino da poterlo persino vedere alla luce
del giorno, senza più essere un vampiro. L’amore impossibile ora è
sbocciato come un fiore in primavera, l’uomo aveva scelto... e la sua
scelta è caduta su quell’anima fragile che tanto lo ama... Lui ha scel-
to... Ma quanti dubbi quante paure… Sicuramente, si dice l’anima, ci
saranno momenti difficile, scogli difficili da raggiungere, ma lei per
il suo amore, una volta impossibile ma ora reale, sarà sempre pronta a lottare.
 
  dori  |    

 
Le care mani che furono mie,
così belle, così piccole,
dopo tutti i mortali equivoci
e le pagane idolatrie,
dopo le rade e dopo le sponde
e i paesi e le province,
regali più che all’era dei principi,
le care mani m’aprono i sogni.
Mani in sogno, mani sull’anima,
so io cosa vi siete degnate,
fra tante voci scellerate,
di dire all’anima che si disfà?
Mente la mia visione casta
d’affinità spirituale,
d’affezione intima e vasta,
di materna complicità?
Rimorsi cari, dolore buono,
sogni santi, mani consacrate,
o mani, mani venerate
fate il gesto del perdono!
 
  paul v.  |    



pagina 9 di 18941 2 3 4 5 6 7 8 9 10   





Traduci questa Pagina - translate this page
  
  Da - A


© Leperledelcuore.it 2010 - Note Legali