Non sei Iscritto? Vuoi vedere tutte le sezioni e partecipare? Iscriviti clikka Qui!
 
Forum Le Perle Del Cuore
Forum Le Perle Del Cuore
[ Home | Profilo | ISCRIZIONE | Discussioni Attive | Msg privati | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forum
 Un angolo di cielo, le nostre Poesie
 wrecking ball
 Nuovo Topic  Rispondi
 Stampa
| More
Pagina Precedente | Pagina Sucessiva
Author  Topic Next Topic
Pag: di 41

Ghiandaia
Utente Master

1403 Posts
Status: offline

Posted - 08 September 2016 :  21:25:08  Vedi Profilo Send Ghiandaia a Private Message  Rispondi quotando
Ma davvero Giovanni non hai nessun parente o amico? Spesso morendo lasciamo un vuoto che gli altri sentono, ma di cui noi non immaginavamo l'esistenza. E questo cosa vuol dire? Sta sereno.. ciaooo..





Go to Top of Page

Carla
Admin

33399 Posts
Status: offline

Posted - 09 September 2016 :  00:00:26  Vedi Profilo Send Carla a Private Message  Rispondi quotando
Azz ci risiamo...morale ko
Ch'è successo..cervicale, ossa che pigolano, acciacchi vari? Naaa dai non è nulla non sei vecchio, sei solo croccante
Facciamo a gara a chi croccante di più? Uhmm mi sà che vinco io
Cià una bella dormitina e domani torna sù il morale





La vita è un eterno
Restare in bilico sul tetto del mondo.
Ci sarà sempre chi cercherà di farti cadere...
Non importa, nonostante le ferite
Rialzati sempre e mantieni il tuo equilibrio!
Carla
Go to Top of Page

Giovanni
Utente Master

1098 Posts
Status: offline

Posted - 09 September 2016 :  23:52:48  Vedi Profilo Send Giovanni a Private Message  Rispondi quotando
Croccante sono bello croccante ma la solitudine è brutta come cadere in un baratro senza fondo giorno dopo giorno fino a rendersi conto di essere diventato inutile e trasparente. Si perde la voglia di fare qualsiasi cosa si sopravvive sdraiati sul letto a pensare e fantasticare di quello che è stato e non è stato e non sarà mai più.
Si perde ogni motivazione che ci fa andare avanti, anche i sogni si spengono giorno dopo giorno e non resta più nulla.
Si allunga la mano nel vuoto cercando di agggrapparsi a qualcosa o meglio a qualcuno ma non c'è nessuno a cui interessi più e i minuti diventano ore, le giornate non passano mai e sono sempre uguali.
Certo non mi manca nulla, non dovrei lamentarmi, c'è chi sta molto peggio di me l'ho sentito dire mille volte ma non ci son soldi o oggetti che possano sostituire una parola o un abbraccio o un po di calore umano.
scusate gli errori ho scritto di getto e non rileggo mai nulla di quello che scrivo altrimenti poi lo stravolgo, preferisco sia come esce dalla mente.



Go to Top of Page

Carla
Admin

33399 Posts
Status: offline

Posted - 10 September 2016 :  00:03:09  Vedi Profilo Send Carla a Private Message  Rispondi quotando
Quanto ti capisco... hai ragione la solitudine è brutta è spesso si desidera quel semplice importato abbraccio che ti fà sentir vivo e importante per qualcuno,so che è difficile ma stai sù col morale e reagisci e se ti senti solo sai che ci sono, anche se distante un abbraccione col pensiero arriva al volo e chissà magari dal vero.
Una carezza dal cuore





La vita è un eterno
Restare in bilico sul tetto del mondo.
Ci sarà sempre chi cercherà di farti cadere...
Non importa, nonostante le ferite
Rialzati sempre e mantieni il tuo equilibrio!
Carla
Go to Top of Page

Giovanni
Utente Master

1098 Posts
Status: offline

Posted - 12 September 2016 :  19:18:48  Vedi Profilo Send Giovanni a Private Message  Rispondi quotando


La pioggia sottile batteva sui vetri, piu’ che pioggia erano lacrime, cosè pensava lei mentre guardava fuori. In strada pochi passanti, qualche ombrello colorato. Una nebbiolina leggera avvolgeva tutto. Anche il suo cuore.
Non era mai stata così, tutti amavano il suo sorriso e la sua voglia di vivere, ma adesso, forse, quella voglia non c’era piu’.
Tutto era cominciato la primavera precedente, quando per caso era entrata nel magico ed onirico mondo del web. Aveva iniziato così a frequentare qualche chat, solo per curiosità e per passare le poche ore di libertà della sera. Aveva sentito tanti discorsi, discorsi a volte senza un capo nè una fine, sino a quel giorno in cui qualcuno irruppe violentemente nella sua vita. Lui arrivava da un paese molto lontano dal suo e questo la aveva affascinata, strano come un solo cavo telefonico possa portarti in capo al mondo, aveva pensato lei.
Quel nick che il destino le aveva fatto incontrare le era sembrato triste e solo, la sua solitudine si leggeva tra le righe di quello che le raccontava. Comincio’ così, per caso, la loro storia, ma poteva davvero essere chiamata storia?.
Quando si avvicinavano le ore della sera una certa ansia la assaliva. Il pc, spento, sulla scrivania, un vaso di fiori, quasi sempre tulipani gialli – i suoi preferiti – una fotografia di quando era piccola, un libro arrivato da un paese lontano, pagine che profumavano di posti a lei sconosciuti, di una casa che lei conosceva solo per i racconti che lui le aveva fatto. E quel profumo la avvolgeva tutta, respirare quell’odore era immaginare colori e sapori a lei sconosciuti, ma che già sentiva di amare.
E la sera, sempre con una certa inquietudine accendeva il pc, la finestra del “suo” nick era ancora spenta. Lo scandire dei minuti, inframmezzato solo dalla musica, la loro musica, file musicali che si erano scambiati e che, troppo spesso, risuonavano come un’eco al di la’ del filo del telefono.
Le 23, le 23,30 e lui. Lui che scriveva, che le raccontava di mondi lontani e la faceva viaggiare sull’onda dei suoi stessi pensieri, che le entrava dentro, la’ dove forse nessuno era mai arrivato, i loro silenzi, silenzi spesso troppo pieni di parole e le parole, a volte non bastavano davvero piu’. E, un giorno, la sua voce al telefono che ancora le risuonava nelle orecchie, il calore delle sue parole e degli accenti strani che la colorovano, i suoi sospiri.
Adesso, mentre guardava la pioggia scendere al di la’ del vetro ripensava a lui, a come la facesse sentire bene quel nick e che aveva incontrato per caso e che , troppe volte aveva pensato , avrebbe potuto avere piu’ di 100 anni, ma a lei non sarebbe importato. Troppo bello era stato viverlo, troppo grandi i sogni che aveva disegnato con lui, era unico, pensava, nessun’altro sarebbe mai stato come lui; amore virtuale? No, amore reale, perchè dietro a quel monitor c’erano due cuori che battevano all’unisono cercandosi. E le sembrava di sentire ancora quella strana inquietudine, quelle sensazioni, quel nodo allo stomaco che troppe volte aveva sentito. Ma come il destino glielo aveva fatto incontrare, allo stesso modo glielo porto’ via, sulla stella piu’ lontana ed irraggiungibile.
E le lacrime di pioggia continuavano a rigare i vetri . Intorno, solo il silenzio.





Go to Top of Page

Carla
Admin

33399 Posts
Status: offline

Posted - 12 September 2016 :  20:05:24  Vedi Profilo Send Carla a Private Message  Rispondi quotando
Letta sul tuo blog personale, ma sempre bello leggerla poiché come dici dietro a un freddo monitor, ci son comunque delle persone con un cuore.






La vita è un eterno
Restare in bilico sul tetto del mondo.
Ci sarà sempre chi cercherà di farti cadere...
Non importa, nonostante le ferite
Rialzati sempre e mantieni il tuo equilibrio!
Carla
Go to Top of Page

nanà
Moderatore

10838 Posts
Status: offline

Posted - 12 September 2016 :  21:16:58  Vedi Profilo Send nanà a Private Message  Rispondi quotando

Parole stupende che emozionano e fanno riflettere sui sentimenti che spesso proviamo anche davanti al pc.



......Troppo bello era stato viverlo, troppo grandi i sogni che aveva disegnato con lui, era unico, pensava,.....

Emozioni accompagnate da sentimenti che per chi li ha provati, hanno lasciato il segno.
Magari bello ...ma a volte doloroso.












Se fai qualcosa col cuore, non hai bisogno che qualcuno ti aiuti.
Go to Top of Page
Pag: di 41  Topic Next Topic  
Pagina Precedente | Pagina Sucessiva
 Nuovo Topic  Rispondi
 Stampa
| More
Salta a:
Forum Le Perle Del Cuore © © 2001 Snitz Forums Vai in alto alla pagina
Pagina elaborata in 0.17 secondi. Snitz Forums 2000